Estate: tempo di Cuore

Principi e regole Yangsheng per la stagione estiva

In Estate regola il Cuore

Il Solstizio d’Estate cade ogni anno intorno al 21-22 giugno. Nella cultura cinese, corrisponde alla quarta fase lunare della stagione estiva del calendario contadino, seguita dalle fasi del “piccolo calore” e del “grande calore”, ciascuna fase dura quindici giorni, vi sono sei fasi lunari nei tre mesi della stagione. “Solstizio d’Estate” rappresenta quindi il culmine della stagione estiva.  In questo periodo dell’anno, lo Yang raggiunge il suo culmine mentre lo Yin inizia la sua ascesa.

medicina integrata

Il Solstizio d’Estate nello Huangdi Neijing è collegato con il Qi del Cuore. D’estate il calore fa sudare abbondantemente, disperdendo il Qi del Cuore: in Medicina Cinese infatti “il sudore è il liquido organico del Cuore”, troppo sudore  può consumare il Qi del Cuore, è per questo che nello Yangsheng si raccomanda: “in primavera nutri il fegato, il estate regola il cuore, in autunno nutri i polmoni, in inverno nutri i reni”. Dal punto di vista della regolazione dell’equilibrio emozionale, in questo periodo è necessario rifuggire dalla svogliatezza o dallo scoraggiamento, dai sentimenti rabbiosi e dalla tristezza.

In estate, mangia cibi tonificanti“: nella cultura cinese, la tonificazione attraverso l’alimentazione comincia dalla prima fase lunare della stagione estiva, chiamata “Inizio d’Estate”. Il clima torrido può provocare l’indebolimento della funzione digestiva, perciò si dovrebbero evitare cibi raffinati e grassi,  preferire sapori semplici e aumentare il consumo di cereali integrali; si dovrebbero limitare le pietanze di natura riscaldante, va benissimo mangiare frutta, facendo però attenzione a non affaticare il sistema milza-stomaco con un eccesso di cibi di natura fredda.

E’ bene dunque in questo periodo seguire i principi Yangsheng che associano ogni stagione ad un sistema organo-viscere, con l’obiettivo di reintegrare l’energia indebolita del Cuore e preservare il Qi del Cuore.

Il clima nel periodo del Solstizio d’Estate

Nel giorno del Solstizio d’Estate, il sole colpisce il suolo direttamente nel punto più settentrionale dell’anno, quasi direttamente al Tropico del Cancro. In questo momento, le ore diurne in tutte le parti dell’emisfero nord sono le più lunghe dell’anno. Per il Tropico del Cancro e l’area a nord di esso, il Solstizio d’Estate è anche il momento in cui il sole è più alto a mezzogiorno. In questo giorno, l’emisfero nord  riceve la maggior parte della radiazione solare. Tuttavia, non è questo il momento più caldo dell’anno,  perché il calore sulla superficie terrestre continua ad accumularsi. Nella tradizione cinese si individuano tre fasi di calore estremo detti “san fu tian” che si collocano a metà tra il Solstizio d’Estate e l’Inizio d’Autunno.  In questo periodo dell’anno inoltre, non sono rari acquazzoni e temporali.

Il corpo umano nel periodo del Solstizio d’Estate

Sono numerose le patologie che si possono manifestare nella stagione estiva. Nonostante il caldo, il principio Yin comincia a risalire, il corpo può indebolirsi e ammalarsi.  Difficilmente si manifestano le patologie invernali: una serie di patologie croniche legate al freddo in questo periodo migliorano, come le bronchiti, gli enfisema polmonari, tutte malattie la cui frequenza è maggiore nel periodo invernale, mentre sono silenti nel periodo estivo.

Principi Yangsheng per l’Estate

Regolare e nutrire il cuore e il cervello: nella teoria medica cinese “il cuore governa i vasi sanguigni”.  Il Cuore trasporta il nutrimento agli organi e ai tessuti di tutto il corpo attraverso i vasi sanguigni, per assicurarne il corretto funzionamento fisiologico e la cura di molte patologie del cuore e cervello, passa per prima cosa attraverso la regolazione e il nutrimento del Cuore.

Controllare la pressione sanguigna: con le temperature elevate della stagione estiva, le patologie dei vasi del cuore e del cervello esplodono meno facilmente che nel periodo invernale, tuttavia influenzano direttamente la pressione perché il caldo provoca agitazione e irritazione, la forte perdita di sudore può causare una maggiore densità del sangue, l’utilizzo di aria condizionata negli ambienti chiusi provocare una brusca alternanza di caldo e freddo; questi fattori possono tutti provocare l’aumento della pressione sanguigna. In casi gravi, causando ictus e infarti.

Integrare opportunamente i liquidi: con la calura estiva la quantità di sudore aumenta, se non si reintegrano opportunamente i liquidi, nell’apparato urinario possono apparire fenomeni di cristallizzazione che in seguito possono dar luogo a calcoli. Per prevenire la formazione di calcoli, bere molta acqua.

Movimento fisico: l’esercizio fisico è una componente che non può mancare nel riequilibrio Yangsheng. In estate è opportuno scegliere i momenti meno caldi della giornata, il mattino presto e la sera; preferibilmente in un luogo prossimo all’acqua, parchi o giardini dove l’aria è fresca e pulita. I programmi di allenamento possono comprendere la camminata, jogging, taijiquan, danza, un’attività fisica comunque moderata.

Durante l’esercizio fisico, sudando molto si possono assumere bevande con sali minerali, o decotto di azuki verdi. Evitare assolutamente grandi quantità di bevande fredde, così come di sciacquarsi il capo o fare doccia con acqua molto fredda, questo potrebbe provocare artralgie da freddo e umidità, bromidrosi e altre patologie.

Aumentare appropriatamente i sapori aspro e salato

Poiché in estate si suda molto, la componente salina diminuisce, se il muscolo cardiaco ha un deficit di sali, questo può alterare la pulsazione cardiaca. In medicina cinese si consiglia di aumentare il sapore aspro-acido per consolidare  il “sistema superficiale”, il sapore salato per tonificare il cuore.

Non è indicato eccedere in alimenti di natura fredda: dal punto di vista della teoria Yin Yang, nella stagione estiva aumentando il calore all’esterno , all’interno del corpo aumenta il fattore freddo, per questo non si può consumare alimenti freddi in eccesso. Come si legge nel Yi Shen Ji, nella stagione estiva il Cuore è in eccesso e il Rene in deficit, per questo c’è il concetto di calore all’esterno e freddo all’interno, ed è per questo motivo che non bisogna eccedere in alimenti freddi, esagerando si possono causare danni alla milza-stomaco da freddo, provocando vomito e diarrea. L’anguria, il succo di azuki verdi, la prugna wumei, il succo di azuki rossi, sono ottime bevande per dissetare e rinfrescare, ma è meglio non berle ghiacciate.

Secondo la teoria dei rapporti tra gli organi in medicina cinese, “se il rene non riceve fuoco dal cuore l’acqua si raffredda, se il cuore non riceve acqua dal rene, si infiamma. Il Cuore deve ricevere l’acqua del Rene per idratarsi, il rene deve ricevere il calore del cuore per riscaldarsi” da cui risulta evidente l’importanza del rapporto Cuore-Reni.

YaoShan: Pietanze medicinali per tonificare lo Yin e nutrire il Cuore

Cenere di Foglie di loto *:scegliere foglie di loto fresche e lavarle bene; una volta asciutte tagliarle a pezzi e metterle in un tegame, sovrapporre un altro tegame rovesciato e disporre ai bordi dei due tegami della carta bianca. Accendere il fuoco per carbonizzare il contenuto, fino a quando la carta non si ingiallirà. Una volta raffreddato, triturare finemente e mettere da parte per l’utilizzo.

Dosi: aggiungere 6 grammi alla zuppa di riso, assumere tre volte al giorno.  Questa ricetta ha la proprietà di eliminare il calore estivo e regolare l’umidità, attivare la salita dello yang puro.

* La preparazione tradizionale di questa ricetta si può vedere nel video: https://www.bilibili.com/video/BV17W41117ik/E’ possibile acquistare il prodotto pronto, noto come heyehuifang 荷叶灰方 (NdT)

Decotto per dissolvere il calore:  far bollire in acqua pura 20 grammi di Baitouweng (Radice di Pulsatilla cinese); 20 g di Gegen (tubero di Pueraria lobata); 10 g di Machixian (Portulacca); 9 g. Houpo (Magnolia officinale); 30 g. di Yiyiren (grano coix lacrime di Giobbe). Una dose giornaliera da dividere in due parti, al mattino e alla sera. Questa tisana ha proprietà di dissolvere il calore e regolare l’umidità, arrestare la diarrea. Non adatta per le persone con insufficienza di yang e debolezza da freddo del sistema milza-stomaco.

 

Per le patologie senili utilizzare l’agopunto Shenmen (HT-5)

Il nome di questo punto significa “Porta dello Shen”. Così come il nome rappresenta, lo Shen (Psiche) entra ed esce da questa porta. Il Cuore custodisce lo Shen, il punto Shenmen è come una porta di ingresso e uscita del Qi del Cuore. Esso si trova sulla piega di flessione del polso.  sulla faccia anteriore dell’avambraccio, tra osso pisiforme e ulna, sul lato radiale del tendine del muscolo flessore ulnare del carpo. Si può dire che Shenmen è come un cuscino che calma il Cuore, è molto importante soprattutto per gli anziani che soffrono frequentemente di insonnia. Si può stimolare con un massaggio rotatorio dolce, leggero e lento con il polpastrello del pollice. Se ve ne sono le condizioni si può usare la moxa, con applicazione diretta fino a 3 coni, oppure con il sigaro dai 10 ai 14 minuti. I pazienti di angina e malattie coronariche, possono applicae l’agopuntura sul punto Shenmen, la profondità di inserzione dell’ago è da 0,3 a 0,5 cun, per migliorare le condizioni delle arterie coronariche, alleviare il dolore.

Trattare la miliaria e i rash cutanei

La miliaria o “sudamina” è un’eruzione diffusa di piccoli elementi papulosi o vescicolari​  che si manifesta numerosamente nella stagione estiva per azione del Calore estivo a seguito delle sudate, dovuta all’infiammazione della zona delle ghiandole sudoripare, si tratta di una delle più frequenti dermatiti nel periodo estivo. Per la medicina cinese la causa è una stasi di umidità che provoca blocco nei tessuti cutanei, il fattore Calore si accumula e impedisce la normale traspirazione della pelle. In questo modo si ostruiscono i pori e si crea facilmente un’infiammazione.

Infuso di Caprifoglio per curare la miliaria: si utilizzino 6 g di Jinyinhua (fiori di caprifoglio), tenendoli immersi in acqua bollita per circa mezz’ora. Filtrare e applicare il liquido con una garza delicatamente sulla parte colpita, tre volte al giorno.

Dormire di più il pomeriggio può contrastare i colpi di sonno estivi

Un detto popolare recita “in primavera si ha sonno, in autunno ci si sente stanchi, in estate si hanno colpi di sonno”. Nelle giornate estive dalle 13:00 alle 15:00 c’è il momento di massimo picco delle temperature, si tende a sudare molto anche al minimo movimento esaurendo le forze dell’organismo. Poiché la causa della diaforesi è dissipare il calore, la massa sanguigna si accumula alla superficie del corpo, l’apporto sanguigno al cervello diminuisce; inoltre dopo il pasto di mezzogiorno, l’apporto di sangue all’apparato digestivo aumenta, diminuendo ulteriormente la fornitura di sangue al cervello. Durante il periodo del Solstizio d’Estate  le giornate sono le più lunghe dell’anno, l’alba giunge presto e la sera si va a dormire un po’ più tardi, questo può causare una quantità di sonno insufficiente.

In Medicina cinese, si pensa che nel periodo del Solstizio d’Estate si diffonde il patogeno Umidità che ostacola il sistema Milza-stomaco; poiché la Milza controlla la carne e i muscoli,  gli arti sono senza forza, ci si può sentire esausti in tutto il corpo.

Per contrastare dunque i colpi di sonno estivi dovuti ad un riposo insufficiente, bisogna aumentare il sonnellino pomeridiano, in particolare per le persone anziane e per chi tende a soffrire di insonnia, per non esaurire le energie e recuperare le forze.

Prevenire le forme infiammatorie gastro intestinali

Le infiammazioni gastro-intestinali provocano sintomi di vomito, diarrea, gonfiore e dolore addominale. In Medicina cinese sono dovute ai fattori patogeni climatici “caldo estivo” e “umidità”, oppure provocate dall’eccessiva tendenza al freddo che può provocare attacco di fattori climatici “freddo” e “umidità”. Nel periodo del Solstizio d’Estate, la temperatura è elevata e il fattore umidità in aumento, quindi è abbastanza facile subirne l’attacco. Nelle stagioni e nelle zone caratterizzate da un alto tasso di umidità, i batteri si diffondono più velocemente e bisogna prestare particolare attenzione all’igiene degli alimenti, non consumare avanzi di pietanze cucinate il giorno prima, lavare e sciacquare bene le stoviglie, non mangiare cibo di strada, per stare lontani da enteriti e dissenteria. Le persone di costituzione debole faranno attenzione a non mangiare alimenti di natura fredda.

a cura di Laura Ciminelli
tratto da: https://mp.weixin.qq.com/s/kVSHjUKIhKoFbA37tzQeaw
<#=nickname#>

 

 

 

Lascia un commento