Introduzione al Zhineng Qigong

tratto da “Zhineng Qigong” a cura di Vito Marino e Ramon Testa, Edizioni Nuova Ipsa

  • Obbiettivi e azioni sulla salute fisica e mentale del qigong

Rinforzo della salute, longevità, prevenzione e cura delle malattie

Molti praticanti Occidentali, oltre che molti medici di MTC, guardano al Qigong come a una pratica che può recare benefici alla salute attraverso la riduzione dello stress. Ma l’azione del Qigong non è limitata solo a questo ambito.

ll Qigong ha come obiettivo il miglioramento della salute, il rafforzamento della costituzione e lo sviluppo delle capacità latenti dell’essere umano, attraverso un percorso di armonizzazione e di equilibrio tra gli organi interni e di sviluppo di un sistema di autoterapia. Altri effetti della pratica sono l’aumento della resistenza al freddo, al calore, alla fatica e alla fame.

Persone di qualunque età possono praticare il Qigong, sviluppando un maggiore vigore e mantenendo una migliore salute.

Fin dall’inizio degli anni ’80 in Cina molti scienziati intrapresero studi per accertare i benefici medici del Qigong. Da allora, ricerche su centinaia di applicazioni mediche sono riportate nella letteratura scientifica in Cina.

Dal 1896 ben undici “conferenze internazionali” hanno pubblicato un migliaio di abstracts dei lavori, di cui più della metà in Inglese.

La ricerca libera “qigong” su Medline restituisce circa 3.000 risultati, a testimonianza della produzione scientifica nei campi più svariati come:

2)   riabilitazione polmonare, asma,

3)   ansia, sindromi stress-correlate,

4)   insufficienza cardiaca, ipertensione arteriosa,

5)   acufeni,

6)   anti-aging, supporto alle terapie oncologiche,

7)   epilessia refrattaria ai comuni trattamenti,

8)   dolore cronico.

Il Qigong può essere complementare alla medicina Occidentale, specialmente nel trattamento delle malattie croniche e nella prevenzione, laddove la medicina Occidentale è particolarmente indicata nel trattare le condizioni acute.

Il Qigong come trattamento medico è stato ufficializzato come parte della MTC negli ospedali Cinesi fin dal 1989. Dopo un dibattito durato parecchi anni, il governo Cinese decise di regolamentare in via ufficiale il Qigong come cura delle malattie nel 1996, inserendolo nel Piano Sanitario Nazionale.

Sviluppo personale e delle capacità mentali

Dal punto di vista elettroencefalografico la pratica del Qigong produce delle modificazioni correlate allo sviluppo di determinate capacità. Negli elettroencefalogrammi dei praticanti di Qigong appare un notevole aumento di “coerenza” delle onde cerebrali, le quali assumono un aspetto di maggiore ordine e sincronicità. Il potenziale elettrico dei due emisoma, il destro e il sinistro, si uniforma, indicando una migliore funzionalità complessiva dell’organismo.

Il Qigong e le sue strette relazioni con le arti marziali Cinesi sono spesso collegate con lo sviluppo personale e la spiritualità. I metodi tradizionali di insegnamento di molte scuole di Qigong, specialmente in Estremo Oriente, sono legate allo stretto rapporto maestro-discepolo, molto importante in particolare nel Confucianesimo.

In alcuni stili di Qigong si pensa che l’essere umano e la natura siano inseparabili, e che ogni altra credenza in disaccordo con questa sia artificiosa ed errata, basata su una visione limitata della vita umana. Secondo le teorie tradizionali, l’accesso ad uno stato energetico superiore e i conseguenti benefici per la salute sono possibili per mezzo del principio della coltivazione della virtù (德). La “coltivazione della virtù” può essere definita come un processo in cui si riconosce che nessuno può essere separato dalla natura e dalle sue regole e leggi, concetto che orienta anche il comportamento generale di vita.

  • Differenze fra esercizio fisico e pratica di qigong

Secondo censimenti e dati di diversi studiosi, sono presenti in Cina da 3.000 a 40.000 scuole di Qigong, per un totale di almeno 470 metodi differenti. L’Istituto di Ricerca in Qigong della Facoltà di Medicina Tradizionale Cinese di Shanghai afferma che sorgono più di 350 scuole nuove di Qigong ogni anno, una trentina sono attualmente riconosciute a livello nazionale, molte sono riconosciute solo a livello regionale, altre ancora hanno una diffusione solo locale.

In ogni tipo di Qigong ci sono tre componenti essenziali: postura e movimenti, tecniche respiratorie, visualizzazione e concentrazione.

Il Qigong si può considerare anche un aspetto della Medicina Cinese, in quanto sviluppa la coordinazione di diversi patterns respiratori con varie posture e movimenti, il che può provocare determinati effetti terapeutici e preventivi. D’altra parte, varie forme tradizionali di Qigong sono strettamente correlate con le arti marziali Cinesi, e ne costituiscono una parte dell’allenamento.

La scienza del Qigong è una scienza al tempo stesso antica e giovane. Componente essenziale della Medicina Tradizionale Cinese (MTC) nel suo aspetto di Qigong medico, ne rappresenta in maniera specifica la “medicina psicosomatica”, attraverso lo studio e l’abilità raggiunta (功 gong) nel muovere l’energia vitale (气 qi).

Il Qigong è una disciplina sperimentale, pratica, non soltanto intellettuale. Lo si deve praticare per apprezzarne realmente gli effetti. Gli esercizi sono introdotti in modo graduale, e l’esperienza dimostra che i migliori risultati si ottengono  praticando pochi esercizi, e affiancandone altri solo dopo un periodo di pratica sufficiente per padroneggiare i primi.

Il primo passo è quello di raggiungere uno stato di rilassamento profondo, senza però entrare in trance; in altre parole, la coscienza resta perfettamente lucida, ma la mente è focalizzata su una sola attività, su un solo punto. Non ci dovrebbero essere distrazioni, pensieri depressivi o preoccupazioni. Attraverso questo stato d’animo si passa ad una sensazione di piacevole tranquillità e benessere. Bisogna aggiungere che in alcune Scuole di Qigong il raggiungimento di uno stato di fatica anche notevole, e il suo superamento, sono usati e finalizzati al raggiungimento di un grado superiore di “volontà” e determinazione che permette una pratica più assidua e costante.

  • Peculiarità dello Zhineng Qigong

智 “Zhi” significa saggezza e intelligenza, la sintesi superiore delle funzioni espletate della corteccia cerebrale in relazione con le cose esterne; 能 “neng” significa abilità e capacità, sia negli aspetti fisici che spirituali. In breve, Zhineng Qigong si riferisce ad un Qigong attraverso la cui pratica si possono sviluppare l’intelligenza e rinforzare varie abilità, oltre che a mantenere e riacquistare la salute. Lo Zhineng Qigong è la fusione dell’essenza di differenti Qigong originati dal Confucianesimo, Buddismo, Taoismo, Medicina Tradizionale Cinese, arti marziali tradizionali, e religioni popolari. Integra altresì le conoscenze delle moderne scienza, medicina e filosofia.

Scopo dello Zhineng Qigong è di migliorare la vita delle persone attraverso il miglioramento della forma fisica, stimolando la creatività, sbloccando le emozioni e scoprendo il potenziale nascosto in ognuno di noi.

Le nove grandi caratteristiche dello Zhineng Qigong

Le nove grandi caratteristiche indicano i punti che differenziano lo Zhineng Qigong dagli altri sistemi di pratica.

1)   Un apparato teorico particolare: la teoria degli insiemi hunyuan. Essa comprende la teoria dello hunyuanqi, la teoria degli insiemi, lo hunyuanqi dell’uomo, la teoria della consapevolezza (yishi), la teoria del daode, la teoria del miglioramento dei processi vitali, il trattamento medico hunyuan ed altri argomenti che saranno oggetto del nostro corso.

2)   Un proprio sistema di pratiche. Queste includono tre tipi di esercizi: dinamici, statici e il movimento spontaneo. Il sistema attraversa le tre fasi di hunyuan esterno, interno e mediano. Le tecniche si dividono in 6 livelli. Nel primo livello la tecnica fondamentale è pengqi guanding fa, che appartiene allo stadio dello hunyuan esterno. Il secondo livello, xingshenzhuang, allena lo hunyuan di mente e corpo. Il terzo livello, wuyuanzhuang, allena lo hunyuanqi vero degli organi interni. Il secondo e il terzo livello appartengono allo stadio dello hunyuan interno. Il quarto livello allena lo “hunyuanqi del canale centrale”; il quinto livello allena lo “hunyuanqi della linea centrale” e nel sesto livello si fa “ritorno all’origine” (anche detto “completa fusione nella fonte primeva”). I livelli quarto, quinto e sesto appartengono alla fase dello hunyuan mediano e non sono stati divulgati dal prof. Pang Ming (probabilmente essendo più in un relazione ad una fase della pratica che ad esercizi specifici). Esiste inoltre sanxin bing zhanzhuang che è un metodo di base dell’intero sistema di esercizi, con la caratteristica di aiutare anche a passare da un livello all’altro. Le tecniche oggetto del nostro corso sono essenzialmente quelle del primo livello e sanxin bing zhanzhuang, che sono peraltro di gran lunga le più importanti dell’intero metodo.

3)   Lo Zhineng Qigong raccoglie i punti di forza degli altri sistemi. Zhineng Qigong ha raccolto l’essenza dei metodi delle scuole confuciana, buddhista, daoista, medica, marziale, popolare, strutturando un sistema di pratica completo.

4)   Una nuova serie di metodi di insegnamento: le tre trasmissioni (con il cuore/mente, con la parola e con il corpo). La trasmissione col cuore/mente indica essenzialmente la composizione del campo. La trasmissione con la parola indica la trasmissione e l’apprendimento dei principi di insegnamento del qigong. La trasmissione col corpo è l’insegnamento e la pratica delle tecniche. Le tre trasmissioni permettono alle persone con diversi livelli di salute e diverse capacità  di ottenere dei risultati.

5)   Nell’utilizzo della consapevolezza non ricerchiamo quiete e vuoto; e nemmeno muoviamo il pensiero come nel tipo di esercizi della circolazione celeste, ma usiamo la coscienza in modo attivo per “raccogliere” la psiche e accompagnare con essa i movimenti del corpo.

6)   Il metodo di regolazione del flusso di qi è sicuro e affidabile, assolutamente non pericoloso. Questo metodo comprende la conduzione del qi per mezzo del pensiero, la conduzione del qi per mezzo dei movimenti del corpo.

7)   Zhineng Qigong appartiene ai sistemi aperti. Forma (corpo), qi e mente devono rimanere “aperti” in modo che il qi interno del corpo e il qi del mondo naturale rimangano in connessione. Questo permette ancor meglio di raccogliere lo hunyuanqi del mondo naturale.

8)   Lo hunyuan esterno dello Zhineng Qigong è lo hunyuanqi del mondo naturale. Il processo di emissione del qi esterno non è altro che il processo di allenamento delle abilità con cui si regola lo hunyuanqi del mondo naturale. Così facendo non si reca danno al proprio qi del dantian.

9)   Chiare reazioni alla pratica. Include le reazioni alle malattie, le reazioni al riversamento di qi nel punto malato e le reazioni alla pratica.

le otto formule cantate

le otto formule cantate

 

Lascia un commento